Sesso in solitaria

Chi è più solo della tenia, detta appunto “verme solitario“? Ogni individuo trascorre la propria vita da adulto all’interno dell’intestino di un altro organismo, senza mai venire a contatto con i membri della propria specie. Eppure, si tratta di un animale a riproduzione sessuata, che produce uova e spermatozoi. Come è possibile?

Le tenie (vermi piatti di aspetto nastriforme) sono degli endoparassiti, cioè dei parassiti che vivono all’interno di un altro organismo, il quale è detto ospite. Ne esistono diverse specie, ma sono poche quelle che parassitano anche l’uomo: la più nota, Taenia solium, è quella che si può contrarre mangiando, per esempio, carne di maiale poco cotta.

taenia_solium
Fig.1 Esemplare di Taenia solium.

La tenia è un parassita estremamente affascinante: così perfettamente adattato al proprio habitat da aver perso, nel corso dell’evoluzione, tutto ciò che era superfluo. Come il sistema nervoso, per esempio. Oppure l’apparato digerente. Il verme solitario, infatti, non ha bisogno di una bocca, né di uno stomaco; vivendo all’interno dell’intestino dell’ospite, si limita ad assorbire le sostanze nutritive attraverso la pelle.

Bandwurm-drawing
Fig.2 Due esempi di scolice, in Taenia solium (sinistra) e in Taenia saginata (destra).

Il corpo della tenia è quindi molto semplice: una testa, detta scolice, dotata di ventose e uncini per aderire alla parete intestinale dello sfortunato ospite, e un corpo formato da tanti segmenti all’apparenza tutti uguali, le proglottidi. Possiamo immaginare una tenia come un lungo nastro traspostatore: segmenti sempre nuovi spuntano dallo scolice, mentre quelli più vecchi si spostano verso la coda dell’animale.

È proprio all’interno delle proglottidi che le cose si fanno interessanti: qui si trovano le gonadi, incaricate della produzione dei gameti. Dal momento che la tenia è un ermafrodita sufficiente, può produrre sia i gamenti maschili che quelli femminili ed è in grado di autofecondarsi. Ma non tutte le proglottidi possono fare entrambi i tipi di gameti. Quelle “più giovani” (ossia quelle appena spuntate dallo scolice) producono solo gli spermatozoi, mentre man mano che maturano e si spostano verso la coda dell’animale sviluppano la capacità di produrre anche le uova.

Quando sono pronte, le uova vengono fecondate dagli spermatozoi, e il segmento che le contiene si stacca dal resto dell’animale per essere espulso con le feci dell’ospite. In questo modo la tenia può disperdere nell’ambiente milioni di figli (la produzione arriva fino a 300.000 uova al giorno per un singolo individuo!) senza mai uscire dal confortevole intestino in cui si è oramai insediata, e soprattutto senza mai incontrare un altro adulto con cui accoppiarsi.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...